itenfrdeptrorues

Il bosco incantato racconta… Progetto Servizi Educativi CISA Asti Sud

Domenica 24 novembre Nizza Monferrato, Foro Boario, p. Garibaldi

ore 16,00 Il bosco incantato racconta…

Saluti di Auslia Quaglia, assessore ai Servizi sociali del Comune di Nizza, della Regione e di Matteo Massimelli presidente C.I.S.A Asti Sud,

Presentazione della ristampa di Come e perché, racconti di Davide Lajolo

Proiezione del cortometraggio Il bosco incantato racconta… Progetto Servizi Educativi CISA Asti Sud, regia di Antonio Palese e Fabio Siri, inerente all’Itinerario letterario di Davide Lajolo - Il mare verde - Bricco di Monte del mare

Dal progetto per sé al progetto di tutti  illustrato da Giuseppe Occhiogrosso direttore C.I.S.A Asti Sud, Simona Ameglio educatore professionale e operatori dei servizi educativi

Mostre delle attività del C.I.S.A, Dalla terra all’arte con gli artisti Emilio Drago, Renato Milano, Piero Oldano, I trifulau Scuola secondaria I grado “G. Zandrino” di Mombercelli, Cartoline da Nizza Scuola secondaria I grado “A. alla Chiesa” di Nizza M.

Spazio libri a cura della libreria Il salotto di Bea

I racconti iniziano dalla morte del padre. Il protagonista, che è l’alter ego dello scrittore, ricordando storie del passato della gente del paese, fa un esame di coscienza confrontando le sue radici contadine con l’impegno politico della sua vita.

Il cortometraggio Il bosco racconta… di Antonio Palese e Fabio Siri, realizzato dal Centro Diurno del C.I.S.A Asti Sud, interpreta la poesia del bosco di Monte del Mare con la fantasia dei ragazzi e fa parte del progetto educativo di cura del bosco e di conoscenze naturalistiche e storica del luogo, concordato con l’Associazione culturale Davide Lajolo.

Il bosco incantato è un luogo di memorie contadine e di storia partigiana. Si trova nella Riserva naturale della Valsarmassa in località di Monte del Mare – Vinchio ed è stato allestito dall’Associazione culturale Davide Lajolo con la collaborazione dell’Associazione Paesaggi vitivinicoli Unesco lungo l’Itinerario letterario di Davide Lajolo “Il mare verde”. Lajolo ha scritto che quando da bambino veniva nella Valsarmassa immaginava che il mare fosse come quella immensa distesa di verde, il suo “mare verde”.

Come dice il toponimo “Monte del Mare”, le colline del Monferrato sono sorte dal mare nel Pliocene milioni di anni fa e conservano ancora reperti paleontologici di conchiglie e balenottere. Per la riqualificazione del bosco, avvenuta nel 2016, lo scultore Piero Oldano ha realizzato in legno la Balenottera Ulissa, per la quale Laurana Lajolo ha inventato una leggenda. Dello stesso artista è la scultura in ceramnica della colomba, segno di pace e rievocata nel libro di Davide Lajolo Veder l’erba dalla parte delle radici, collocata sul muro del Casotto.

Il Casotto è il monumento rurale del Bricco di Monte del Mare, costruito da Giovanni Lajolo nel 1911 quando ha impiantato una vigna di barbera. All’interno del casotto sono esposti gli antichi attrezzi di lavoro contadino, realizzati da Emilio Drago. Nel bosco Renato Milano ha collocato sculture in legno di animali e di masche.

Il Casotto e il grande ciliegio delimitano il palcoscenico naturale del Bricco, dove si può stare in compagnia, giocare, suonare e cantare, recitare, esporre opere d’arte, contemplare la campagna.

Il giardino delle farfalle è dedicato a Rosetta Lajolo, luogo della bellezza di tanti colori, del nascere e rinascere. Rosetta, prima di partire per sempre, disse alla nipote Valentina “La nonna tornerà ogni anno con i fiori e le farfalle”. E le farfalle volano ancora nel bosco.

Gli alberi sono dedicati alle persone del Bricco: Rosina la Mora e il figlio Giovanni Lajolo hanno trasformato il bosco di castagni di Bricco di Monte del Mare in una vigna soleggiata e bene esposta ai venti. Giovanni muore a trent’anni e la madre Rosina e la moglie Rosalia hanno continuato a coltivare la vigna. La figlia Rosetta ha conservato la proprietà nel nome del padre e il marito Davide Lajolo, qui è diventato partigiano e ha scritto storie della gente sua contadina. Poi la vigna ha lasciato nuovamente il posto al bosco, che è diventato “incantato”.

Nel sentiero che porta alla grande cornice che delimita il panorama delle vigne ci sono gocce di poesia, ricavate da poeti che hanno espresso le emozioni della natura, che accompagnano i suoni  e i colori del bosco.


 Clicca qui per scaricare la locandina

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.