itenfrdeptrorues

Si chiude la XII edizione del Festival del paesaggio agrario con le interviste a Sacco e Galvagno

di: Laurana Lajolo

All’ultimo incontro, trasmesso on line l’11 novembre, sul tema “Beni materiali e immateriali: investimenti per il futuro”, a cui hanno partecipato Mario Sacco presidente della Fondazione CRA e di Giorgio Galvagno, presidente della Banca di Asti, Roberto Cerrato direttore del sito UNESCO, Laurana Lajolo dell’Associazione culturale Davide Lajolo, intervistati da Beppe Rovera.

Le registrazioni degli incontri del Festival sono visibili sul sito www.davidelajolo.it

Molto interessanti sono stati gli interventi di Mario Sacco presidente della Fondazione CRA e di  Giorgio Galvagno, presidente della Banca di Asti, che hanno dimostrato una convergenza di valutazione sulle esigenze dei piccoli paesi e hanno espresso la volontà di fare sinergia di sistema tra attori pubblici e privati, tra istituzioni, imprese, associazioni per una politica di pianificazione che rafforzi la qualificazione scolastica e universitaria, i servizi, le imprese e l’innovazione creando posti di lavoro per i giovani.

Galvagno, a una domanda specifica di Beppe Rovera, ha dichiarato che quest’anno ci sono  difficoltà normative  per devolvere gli utili della Banca alla Fondazione, ma, consapevole della gravità del momento e del ruolo della Fondazione sul territorio, mette tutto l’impegno per superare questi ostacoli,..

Sacco ha riconosciuto funzione importante della Provincia sul territorio e ha dato notizia che, a seguito della richiesta del presidente Lanfranco di sottoscrivere un patto di collaborazione tra Fondazione e Provincia di Asti per tutto il territorio, ha demandato il compito al comitato scientifico del polo universitario.

Gli organizzatori del Festival del paesaggio agrario Laurana Lajolo, presidente dell’Associazione culturale Davide Lajolo e il direttore del sito UNESCO Roberto Cerrato hanno sintetizzato i contenuti emersi riguardo alle condizioni dei piccoli paesi, evidenziando la mancanza di servizi adeguati, ma anche individuando potenzialità e opportunità, che se sostenute da progetti e investimenti, possono dare impulsi positivi con l’incremento del turismo rurale e attraendo nuovi residenti. La pandemia sta, infatti, modificando condizioni di lavoro e di vita, mettendo in discussione la stessa dimensione della città metropolitana, e possono avere una nuova vita i paesi ritenuti finora marginali e caratterizzati dal decremento demografico e dall’invecchiamento. Sono necessari interventi strutturali nei piccoli comuni, che compongono la nostra provincia, dall’utilizzo degli immobili vuoti al miglioramento dell’apparato amministrativo alla difesa del piccolo commercio, dal ripristino delle ferrovie locali all’estensione della banda larga, che vanno inseriti in una programmazione territoriale, così come ha sintetizzato in un precedente incontro il presidente della Provincia di Asti Paolo Lanfranco, convinto sostenitore del ripristino delle funzioni delle amministrazioni provinciali, svuotate dall’ultima riforma.

Il territorio provinciale come la città di Asti, che sembra aver rinunciato al suo ruolo di capoluogo, sono da tempo in crisi, ma i responsabili degli enti sono ormai consapevoli che è urgente costruire e dare concretezza a una strategia condivisa e partecipata.

 


© 2018-2021 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.