itenfrdeptrorues

Gruppo 05 - Corso Matteotti: spazio pubblico sopra parcheggio interrato

La prima fase del progetto prevede un intervento di riqualificazione che agisce sulla “qualità architettonica” dell’intorno, attraverso la realizzazione di un MURALE: la “street art” come 05 tavola 1strumento per dare colore e vitalità a spazi abbandonati, con l’intento di creare un segno riconoscibile per identificare uno spazio pubblico privo di identità; la testata cieca dell’edificio che incombe sul fronte sud dell’area è una quinta anonima che può diventare un fondale scenografico per il “palcoscenico” urbano sottostante. La qualità architettonica del costruito da elemento di “debolezza” diventa “opportunità”.

La seconda fase del progetto prevede il ripristino della funzionalità dell’autorimessa privata sottostante, non più in uso, intervenendo su una delle maggiori criticità della struttura tramite la realizzazione di volumi chiusi a delimitazione delle scale di sicurezza, per regolamentare gli accessi dall’esterno.

05 tavola 2La realizzazione di una pista da skateboard, sul sedime della cavità esistente, risolve un’altra forte criticità, quale la discontinuità degli spazi, i dislivelli ed i cambi di quota che rendono l’area poco fruibile, attraverso l’assegnazione di una funzione ad un vuoto che ora ne è privo. La piattaforma di terreno “pensile”, completata dai nuovi percorsi pedonali in legno, dalle sedute, dalle attrezzature per la “street workout” e la nuova illuminazione su pali, formeranno il nuovo giardino. Questo si ispira ai “jardins partagés” parigini:05 tavola 3 uno spazio verde come strumento di coesione sociale, dove la realizzazione, gestione e manutenzione dell’area potrebbe essere affidata ad associazioni di cittadini (sul sito è già attivo il gruppo di “Guerrilla Gardening”, formato da abitanti del quartiere che si occupano periodicamente delle operazioni di bonifica e pulizia dell’area). Il verde è rappresentato da prato calpestabile e piante di facile reperimento, basso consumo idrico, poca manutenzione; le essenze sono graminacee e carex, un verde selvaggio e diffuso: una “prateria urbana” low cost.

 

Progetto a cura di

CALOSSO Fabiogruppo 05

 

Tavole di progetto

Tavola 1 

Tavola 2 

Tavola 3 

Architetture sottili - 16 progetti per la città di Asti

Gruppo 01 - Piazza Nostra Signora di Lourdes

La zona di progetto, piazza Nostra Signora di Lourdes, è situata nella periferia nord-ovest della città di Asti. Mentre il piazzale ora appare soltanto come un parcheggio in periferia, è stato il fulcro intorno al quale si è sviluppato ed è cresciuto l’intero…

Gruppo 02 - Corso Casale: ingresso città

Il progetto di risistemazione dell'area parte da una complessa analisi urbana che tiene conto di interviste sul luogo e studio dei principali caratteri autoctoni. L'obiettivo non è soltanto quello di attrarre fruitori dall'esterno, ma soprattutto sopperire…

Gruppo 03 - Corso Alessandria: area verde fronte COOP

L’area di intervento è posta ad est della città, in fronte al centro commerciale COOP di corso Alessandria. L'ambito si inserisce in un contesto fortemente urbanizzato, con la vicinanza di diversi esercizi commerciali (Penny-Market, filiale C.R.Asti ecc…)…

Gruppo 06 - Piazza Leonardo da Vinci

L’idea progettuale nasce da un’analisi del contesto allargato rispetto all’area di intervento, al fine di trovare connessioni con il costruito e gli spazi pubblici esistenti quali il polo fieristico ex-Enofila, il Movicentro e le stazioni (treno e pullman).…

Gruppo 07 - Parcheggio sotto cavalcavia Giolitti

L'area verde Joselito, àmbito oggetto di intervento, si presenta attualmente come un parcheggio veicolare prevalentemente utilizzato dai lavoratori dipendenti delle attività produttive limitrofe, ed è dotata di due ampie aiuole centrali. L'intervento ha come…

Gruppo 08 - Zona ex torre littoria

L’area dell'ex torre littoria si presenta come uno sproporzionato spartitraffico attorno al quale si svincola il flusso veicolare cittadino, creando degli “sfridi urbani” di forma triangolare usati come parcheggi. Seppur collocata in una posizione centrale…

Gruppo 09 - Area Scirè

L’area assegnata è situata nell’immediata periferia del centro storico. Originariamente destinata all’edificazione, risulta oggi trascurata lasciando trasparire la propria origine di "spazio residuale". In relazione a tale residualità ed al relativo cambio di…

Gruppo 10 - Zona Movicentro: piazza Medaglie d’Oro

Nei diversi sopralluoghi effettuati ci siamo resi conto di essere di fronte ad un luogo con un grande potenziale, uno spazio fortemente urbano, fatto di relazioni, di movimento e di persone. Questo vuoto della città parla di un’energia inespressa, di un…

Gruppo 11 - Piazza Primo Maggio

Il progetto si definisce in Piazza Primo Maggio, zona est della città di Asti e storica porta d’accesso orientale alla cittadina. L’area, oggi molto trafficata, si presenta nelle ore di punta decisamente confusionaria e caratterizzata di un insieme molto…

Gruppo 14 - Quartiere Praia: Via Cesare Pavese

L’area è inserita all’interno di una cortina di edifici di edilizia economica popolare nel quartiere Praia, nel quadrante nord-est della città. Sono presenti tre destinazioni d’uso distinte: area verde, area gioco bimbi e area parcheggio/mercatale. Per…

Gruppo 15 - Parco Boschetto dei Partigiani: zona giochi

Il Bosco dei Partigiani è situato nella zona nord di Asti ed è delimitato dalle antiche mura e da una recinzione perimetrale che corre lungo Viale Partigiani, Piazza Vittorio Veneto e Via del Bosco. Dalle analisi iniziali l’area risultava molto chiusa e poco…

Gruppo 16 - Piazza Cagni

L’area di intervento è situata a sud-ovest della città, ai limiti del centro storico. Il sito comprende gli spazi delimitati da Piazzetta Montafia, Via Sella e Piazza Cagni. Sulle due piazze si affacciano edifici scolastici: l’Istituto Monti e la relativa…

 


© 2018-2021 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.