itenfrdeptrorues

Dove Dio ha nome di donna

di: Marco Pastraro

Marco Pastraro è vescovo della Diocesi di Asti dal 2018, ma ha vissuto l’esperienza più intensa della sua vita, come appare dalle pagine del suo libro, come missionario per tredici anni a Lodokejek, Kenya del nord, una terra di pastori Samburu, soggetta a siccità, faticosa da vivere ma con una natura dai colori fantastici.

Ha imparato la loro lingua, ha vissuto le loro ristrettezze e difficoltà, ha rispettato le loro tradizioni coniugandole con il Vangelo e valorizzando il lavoro dei suoi collaboratori e delle catechiste. E racconta l’emozione per la consacrazione di una nuova suora, che supera le convenzioni della sua gente.

Pastraro confessa di avere in qualche momento dubbi e debolezze di fede, ma che è stato aiutato da quella comunità a rintracciare nuovamente Dio. Le pagine conclusive del libro sono dedicate all’amore per il prossimo e per Dio. Non c’è enfasi nel raccontare il suo lavoro di evangelizzazione, che, al di là dei risultati ottenuti, gli ha permesso di riscoprire del valore dell’umanità e di Dio in condizioni estreme: “Era la bellezza di Dio, della sua immensità, del suo silenzio, del suo intrecciarsi con la vita e la morte degli uomini, del suo prometterci una vita nuova. La premessa di un’alba dopo il tramonto”.

Marco Pastraro racconta storie forti in cui è stato coinvolto, problemi di emergenza vitale da affrontare. Il missionario aiuta le donne anche al momento del parto e accoglie con emozione la nuova vita. Le vere protagoniste sono le donne Samburu coraggiose, energiche e capaci di speranza e il bel titolo del libro Dove Dio ha nome di donna non è casuale.

“Quelle che ho incontrato in Kenya, scrive l’autore, sono innervate da una forza inarrestabile che le rende capaci di superare le più grandi ingiustizie e i dolori più profondi. Questa vitalità permette loro di rialzarsi e continuare a vivere con una determinazione sempre nuova, perché anche nella disperazione la vita possa prevalere sulla morte».

A volte il missionario non condivide le loro scelte o le loro usanze come i matrimoni combinati, ma non le allontana, continua ad occuparsi di loro, a cercare con loro una soluzione, anche quando sembra impossibile e prevale il senso di impotenza.

Pastraro ha una scrittura limpida e insieme complessa, che sa rendere il tracciato di quel percorso di vita africana così diversi dai nostri stili di vita, ma anche più vicini alle origini nella loro essenzialità e quindi a Dio. Scrive che ha incontrato Dio fra le “pieghe oscure” della storia, dove lui si nasconde e si fa trovare».


M. Pastraro, Dove Dio ha nome di donna. La mia missione tra i Samburu del Kenya, emi editore, € 12.

 


© 2018-2021 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.