itenfrdeptrorues

Messaggio di auguri del Vescovo di Asti per l'inizio del Ramadan

di: Marco Pastraro, Vescovo della Diocesi di Asti

Asti, 13 aprile 2021

cari fratelli e sorelle musulmani che vivete nel territorio della Diocesi di Asti,

In occasione dell’inizio del mese sacro di Ramadan, desidero esprimere a tutti voi la mia sincera amicizia e vicinanza spirituale unitamente all’augurio che, attraverso la pratica sincera del digiuno, della preghiera e dell’elemosina, ogni credente possa ricevere abbondanti benedizioni dall’Altissimo.

Questo mese, particolarmente importante per la comunità musulmana, possa essere un’occasione propizia per consolidare i nostri legami spirituali fondati sulla fede nell’Unico Dio, Clemente e Misericordioso, e sull’attenzione condivisa nei confronti dei poveri, soprattutto in questo frangente segnato dalla dura prova della pandemia.

Consapevoli delle nostre rispettive identità, condividiamo tuttavia la certezza che “veniamo da Dio e a Lui ritorniamo” e che il senso del nostro cammino terreno risiede nella capacità di compiere il Bene gli uni verso gli altri. Infatti, come affermato da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb, “la fede porta il credente a vedere nell’altro fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose povere” (Documento sulla Fratellanza Umana).

Animato da queste parole, prego con voi affinché, in spirito di reciproca accoglienza, sappiamo realizzare, insieme, spazi di incontro, dialogo e collaborazione autenticamente fraterni e rinnovo i miei più cordiali auguri: Ramadan Karim! Ramadan generoso tutti voi!

Il Vescovo di Asti

Tags: Chiesa cattolica, Ramadan

 


© 2018-2021 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.