itenfrdeptrorues

Torino Film Festival – 36° edizione tra anteprime nazionali e mondiali

di: Elena Fassio

È partito il conto alla rovescia per la prossima edizione del Torino Film Festival, dedicata a Rita Hayworth, che si svolgerà da venerdì 23 novembre a sabato 1 dicembre tra il cinema Massimo (via Verdi 18), il cinema Classico (piazza Vittorio Veneto 5) e il cinema Reposi (via XX settembre 15).

Nato nel 1982 dall’idea di Gianni Rondolino, Ansano Giannarelli e Gianni Vattimo, il TFF è uno degli immancabili appuntamenti dell’autunno torinese: negli anni ha portato sugli schermi uno straordinario mix di cinema d’autore, cinema impegnato, anteprime, cortometraggi, esordi, documentari e restauri di cult internazionali.

In concorso

Per l’edizione 2018 saranno a concorso tra gli altri tre film italiani diretti da Elisabetta Sgarbi, Bonifacio Angius e Daniele Segre, presentati in anteprima mondiale nella sezione Festa Mobile.

I nomi del signor Sulcic, di Elisabetta Sgarbi racconta la storia di una studiosa alla ricerca di notizie su una donna seppellita nel cimitero ebraico di Trieste, tra passato e presente, realtà e finzione. In Ovunque proteggimi, di Bonifacio Angius, un cantante folk cinquantenne rabbioso e disilluso incontra una donna in una corsia d’ospedale: i due partiranno insieme alla ricerca di un’ultima occasione, per uscire dalla loro gabbia e prendere a pugni il destino. Daniele Segre tornerà invece a raccontare il mondo degli ultrà juventini con il docu-film Ragazzi di stadio, quarant’anni dopo: la curva come rito arcaico dove dar sfogo al proprio istinto, un luogo di fuga e rifugio, una famiglia.

A concorso anche tre anteprime nazionali, con Keira Knightley e Nicolas Cage nei cast.

Keira Knightley veste i panni della scrittrice Colette nell’omonimo film diretto da Wash Westmoreland: la storia dell’emancipazione di una delle figure femminili più rivoluzionarie del ‘900, in una fedele ricostruzione della sfrontata Belle Époque. Nel cast anche Dominic West e Fiona Shaw. Can you ever forgive me?, diretto da Marielle Heller, è una commedia agrodolce ispirata alle memorie di Lee Israel, scrittrice che, trovatasi senza lavoro, si mette a falsificare lettere di celebrità defunte. Con Melissa McCarthy e Richard E. Grant. Nicolas Cage è invece l’indiavolato protagonista dell’horror lisergico Mandy diretto da Panos Cosmatos, dove la serenità di una coppia che vive isolata nei boschi viene spezzata dall’arrivo di una setta dedita all’occulto. Nel cast anche Andrea Riseboroughe Linus Roache.

In gara, Ride, il primo film da regista di Valerio Mastandrea, la storia di una donna e del figlio di dieci anni che affrontano a modo loro il lutto per la moglie del marito e padre, avvenuta in fabbrica. Dalla Francia, Nos Batailles di Guillaume Senez, con protagonista Romain Duris nei panni di Olivier, padre, marito e sindacalista. Infine il film d’esordio alla regia di Paul Dano, Wildlife, che si è fatto conoscere già a Cannes e al Sundance, con Jake Gyllenhaal e Carey Mulligan.

Reitman e Moretti

Come sempre particolare attenzione meritano però i film di apertura e di chiusura del festival. La prima proiezione sarà The front runner, film di Jason Reitman con Hugh Jackman nel ruolo del senatore democratico Gary Hart, mentre l’ultima di questa ricca edizione sarà Santiago, Italia di Nanni Moretti, documentario presentato in prima mondiale che racconta i mesi successivi al colpo di stato del 1973 in Cile e il ruolo dell’ambasciata italiana che diede rifugio a molti oppositori di Pinochet. “Il cinema resta strumento valido per decifrare la realtà che ci circonda”, sostiene il direttore Emanuela Martini, “per questo l’edizione si aprirà e si chiuderà con pellicole puramente politiche, per poi lasciare spazio a ben 133 lungometraggi e 34 anteprime mondiali”.

Film Industry

Abbinato al festival vero e proprio, inoltre, debutterà quest’anno il parallelo Torino Film Industry, ciclo di incontri di taglio economico-tecnologico organizzato dal Circolo dei Lettori con Torino Film Lab e Film Commission per valorizzare il business e le collaborazioni, attingendo anche al grande mondo del cinema indipendente.

I biglietti del TFF, acquistabili online o nelle biglietterie dei tre cinema citati, costano 9€, i ridotti 7€. Gli abbonamenti a tutte le proiezioni costano invece 90€, ridotti 70€.

 

Tags: Torino, Torino Film Festival, cinema

 


© 2018-2019 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.